Přihlášení:

Registrace

Články

La costituzione e l’iscrizione nel Registro delle Imprese della società a responsabilità limitata (“S.r.o.”) dall’anno 2014

Dall’inizio del 2014 la normativa giuridica ceca ha subito notevoli modifiche, visto che nel settore del diritto privato in Repubblica Ceca è entrata in vigore la Legge n.89/2012 della Coll., nuovo Codice civile, assieme a tante altre leggi e decreti ad essa connessi.

Introduzione

Dall’inizio del 2014 la normativa giuridica ceca ha subito notevoli modifiche, visto che nel settore del diritto privato in Repubblica Ceca è entrata in vigore la Legge n.89/2012 della Coll., nuovo Codice civile, assieme a tante altre leggi e decreti ad essa connessi. Le regole in materia di costituzione e iscrizione nel Registro delle Imprese della società a responsabilità limitata, quindi, non le troveremo più nel Codice commerciale, ma nella Legge n.90/2012 della Coll., sulle società commerciali.

Nella nozione di società commerciale la legge include le società commerciali e le cooperative. Le società commerciali si distinguono nelle società di persone (per esempio: società in accomandita semplice) e le società di capitali (per esempio: società a responsabilità limitata, società per azioni). Le società di capitali possono essere costituite al fine diverso dal quello imprenditoriale anche in futuro.

La costituzione e l’iscrizione nel Registro delle Imprese delle società

La costituzione e l’iscrizione nel Registro delle Imprese delle società

Già nell‘introduzione è necessario sottolineare che anche la nuova normativa distingue tra la costituzione e l’iscrizione della società commerciale. Per costituzione si considera la formalizzazione dell’atto giuridico costitutivo, mentre l’iscrizione è solamente l’iscrizione nel Registro delle Imprese. Nuovamente, però, è previsto che l’istanza per l’iscrizione nel Registro delle Imprese deve essere depositata entro 6 mesi dal giorno della costituzione della società. In caso contrario, trova applicazione la “finzione” di legge, incontestabile, in ragone della quale si ritiene che i soci fondatori della società abbiano receduto dal contratto di costituzione della società. Per la costituzione della società vale la sussidiarietà del regolamento del nuovo Codice civile, ad esempio nei casi di negozio giuridico eseguito prima dell’iscrizione della società nel Registro delle Imprese.

Nel presente articolo abbiamo deciso di descrivere, in particolare, in un modo più pratico possibile, la procedura di costituzione e di successiva iscrizione della società a responsabilità limitata, facendo riferimento alle modifiche apportate dalla nuova codificazione. Le modifiche nella procedura di costituzione della società a responsabilità limitata sono soprattutto:

  • L’ammontare minimo del conferimento – il minimo è pari a 1,- Kč
  • I nuovi requisiti del contratto sociale
  • L’eliminazione dell’obbligo di stimare il valore del conferimento solamente da parte di perito nominato dal tribunale
  • Rilassamento del regolamento delle quote sociali
  • Possibilità della terminazione della partecipazione del socio nella società
  • Votazione cumulativa nei casi di elezioni dei membri degli organi della società

Che cosa si deve ripensare e valutare prima della costituzione della società a responsabilità limitata

La denominazione della società

I requisiti della denominazione sociale della società sono compresi nell’art. 132 e seguenti del nuovo Codice civile. In breve, il nome della società deve essere originale (cioè, il nome stesso non può essere già in possesso di altra società iscritta nel Registro delle Imprese), non può essere facilmente confondibile, quindi deve essere abbastanza distinguibile, non può essere ingannevole dal punto di vista fonetico o altro. Il vero problema è connesso alla confondibilità, aspetto che può essere verificato molto faticosamente – il modo più semplice, ma tuttavia molto laborioso, è la verifica del nome sul portale web www.justice.cz, dove, però, visto il divieto della confondibilità, è necessario controllare anche le denominazioni scritte o pronunciate in modo simile.

La sede sociale

La sede sociale è il posto dove viene esercitata l’attività sociale, ed è appositamente identificata (il nome, num. d’identif.) ed è iscritta nel Registro delle Imprese. La sede deve sempre corrispondere al carattere dell’attività sociale. La sede, quindi, può essere anche in un appartamento (se l’oggetto dell’attività sociale non è un’attività molto rumorosa o un’attività non corrispondente al carattere dell’edificio). E’ sempre necessario che l’edificio sia iscritto nel Catasto immobiliare e che il socio fondatore dimostri il consenso con firma legalmente autenticata del proprietario/dei proprietari dell’immobile, che non può essere più vecchio di 3 mesi.

L’oggetto / Gli oggetti dell’impresa e le licenze

L’attività d’impresa può essere svolta sulla base della licenza per l’esercizio dell’attività sociale secondo la legge sulle licenze (legge n. 455/1991 della Coll.), dove è possibile scegliere l’ambito dell’impresa tra attività artigianale, libera, vincolata e sottoposta a concessioni. E’ possibile svolgere attività d’impresa anche sulla base di diverse autorizzazioni, licenze o permessi ai sensi di alcune leggi speciali. Prima dell’iscrizione dell’autorizzazione della società nel Registro delle Imprese, è necessario notificare l’oggetto dell’impresa all’Ufficio delle Licenze.

Amministratore

L’amministratore–organo statutario della società, che la rappresenta e agisce nei confronti di persone terze, può essere solo una persona che abbia compiuto 18 anni, con piena capacità d’agire, sia incensurato, soddisfi i requisiti per l’esercizio dell’attività commerciale (come stabiliti dalla Legge sulle Licenze), e che non sia soggetto ad alcun impedimento stabilito nell’art.8 (“impedimenti all’impresa”) della Legge sulle Licenze. Per quanto riguarda i cittadini della Repubblica Ceca, il tribunale stesso si assicura l’estratto del Registro delle Notizie di Reato (per accertare l’incensurabilità della persona). Per quanto riguarda gli stranieri è necessario dimostrare l’estratto dal Paese della cittadinanza della persona e questo estratto deve essere depositato anche nella traduzione asseverata in lingua ceca.

Socio (proprietario della società a responsabilità limitata)

Il socio agisce per conto della società solo nel caso in cui, contemporaneamente, svolga anche le funzioni di amministratore. La società deve avere almeno un socio (il quale poi, in tal caso, sarà titolare del 100% del capitale sociale), il numero massimo dei soci non è limitato. Ognuno dei soci può disporre di una quota sociale di ammontare diverso. Il conferimento minimo dell’unico socio deve essere di almeno 1,- Kč.

Il capitale sociale

L’impegno dei soci di versare i conferimenti nella società a responsabilità limitata è stato diminuito da 200.000,-Kč, all’importo minimo di 1,-Kč (se il contratto sociale non stabilisca diversamente). Un tale cambiamento faciliterà l’avvio dell’attività d’impresa a tanti soggetti. Esso è avvenuto per concedere la protezione dei creditori, visto che il senso originario della legge, che costituiva l’obbligo di avere un certo capitale sociale per proteggere i creditori, è stato evitato, tenuto conto della circostanza che il capitale sociale è spesso, di fatto, diminuito nel conto bancario della società dopo la sua costituzione ed iscrizione della società nel Registro delle Imprese. Il nuovo regolamento assicura la protezione dei creditori con le disposizioni dell’amministrazione del patrimonio o della prova dell’insolvenza, in ragione delle quali è fatto divieto alla società di fornire alcune prestazioni se queste possano provocare il fallimento della società.

Il perfezionamento della costituzione e dell’iscrizione della società a responsabilità limitata nel Registro delle Imprese

Il primo atto al fine di costituire la società a responsabilità limitata è la redazione dell’atto costitutivo ad opera dell’assemblea generale costituente e ciò in forma di atto notarile. Nel caso di socio unico si parla di Atto costitutivo, se si tratta di più soci il documento di costituzione è chiamato Contratto sociale. L’assemblea generale costituente si svolge, come già menzionato, presso il notaio, i costi del quale per tale atto possono essere stimati in ca. 6.000,-Kč. Prima dell’apertura dell’assemblea generale costituente, i soci devono aver già preparato i seguenti documenti:

L’istanza per l’iscrizione della società nel Registro delle Imprese

L’unico modo ammesso per depositare l’istanza di iscrizione della società nel Registro delle Imprese è attraverso la compilazione del modulo “intelligente” sul portale web www.justice.cz. Dopo aver compilato il modulo, è importante salvare l’intera istanza, così, eventualmente, sarà sufficiente correggerlo in futuro e non si dovrà cominciare dall’inizio. Le firme autenticate dei proponenti sono requisiti obbligatori dell’istanza. Il lavoro con il formulario stesso potrebbe essere abbastanza complicato per i “non addetti ai lavori”, quindi in caso di necessità, non esitate a rivolgerVi al nostro studio legale. All’istanza dovrete aggiungere i seguenti allegati:

  • Atto notarile sulla costituzione della società
  • Dichiarazione d’onore dell’amministratore, munita di firma autenticata
  • Estratto dal registro delle notizie di reato dell’amministratore, nel caso in cui non siano indicati nella proposta la data e il luogo di nascita
  • Consenso del proprietario dell’immobile munito di firma autenticata, non più vecchio di 3 mesi
  • Dichiarazione dell’amministratore del versamento dei conferimenti
  • Conferma della banca circa il versamento dell’intero capitale sociale
  • Estratto dal Registro delle Licenze

Dichiarazione d’onore dell’amministratore

In tale documento l’amministratore dichiara onestamente di avere la piena capacità d’agire, di non avere precedenti penali, di aver compiuto 18 anni, di non svolgere l’incarico di organo statutario in un’altra società in fallimento o sottoposta a procedure concorsuali e di soddisfare i requisiti per lo svolgimento della concessione ai sensi dell’art. 6 della Legge sulle Licenze. La firma autenticata dell’amministratore sul documento è essenziale, assieme al suo consenso con la propria iscrizione, in qualità di amministratore, presso il Registro delle Imprese.

Dichiarazione dell’amministratore dei conferimenti

L’amministratore dei conferimenti della società viene stabilito nel documento costitutivo della stessa. Nella dichiarazione dell’amministratore, esso dichiara di aver assunto l’amministrazione dei conferimenti della società e di svolgere tale impegno fino alla costituzione della società (per il termine “costituzione della società” si veda sopra). Una volta costituita la società, l’amministratore trasmette senza indugio l’amministrazione alla società nuovamente costituita. Inoltre, l’amministratore dichiarerà che egli stesso, in qualità di costituente, ha versato il rispettivo conferimento al capitale sociale della società. Nel caso di tale dichiarazione, la legge non stabilisce esplicitamente il dovere di munire il documento con la firma autenticata, però tale tipo di firma si deve fortemente consigliare.


In seguito alle redazione dei documenti sopra indicati, è necessario rivolgersi ad un notaio, e concordare un termine in cui si svolgerà l’assemblea generale costituente, durante la quale avverrà la formalizzazione del documento costitutivo. Prima dell’appuntamento dal notaio non bisogna dimenticarsi di un documento di identificazione valido, fondi e dei documenti sopra indicati (nella loro versione stampata). Al fine di risparmiare tempo, è consigliabile il previo invio dei dati di base, riguardanti la società che verrà costituita. Tali dati sono ad esempio: la denominazione sociale della società; la sede della società; l’oggetto sociale; i dati anagrafici degli amministratori e dei soci; informazioni in merito all’ammontare del capitale sociale ed alle modalità del suo pagamento; indicazione circa chi sarà l’amministratore dei conferimenti; modalità in cui gli amministratori agiranno in nome e per conto della società, qualora vi sia più di un amministratore. Presso il notaio avverrà la redazione dell’atto notarile sulla costituzione della società e l’autenticazione delle firme sui documenti.

In seguito, è necessario assicurarsi il permesso del proprietario dell’immobile, nel quale si troverà la sede della società a responsabilità limitata. Il proprietario dell’immobile deve sempre depositare l’Atto notarile della costituzione della società. Il proprietario affermerà che lui, in qualità di proprietario dell’immobile (iscritto nel Catasto degli Immobili sotto un certo Certificato di Proprietà), è d’accordo con l’iscrizione della sede della società in tale indirizzo. La firma del proprietario deve essere autenticata.

Tutto il procedimento però, sfortunatamente, non finisce con l’assicurazione del consenso. È necessario recarsi presso l’Ufficio delle Licenze e portare con sé i documenti seguenti: atto notarile, consenso del proprietario dell’edificio, mezzi finanziari per pagare il bollo amministrativo nell’ammontare di 1.000,- Kč; un documento d´identità valido. Nel caso di attività artigianale o di attività con oggetto vincolato o soggetta a concessioni, la procedura diventa ancora un po’ più complicata. O deve essere presente presso l’Ufficio delle Licenze anche il rappresentante responsabile (quello che è autorizzato all’esercizio dell’attività commerciale sulla base dell‘oggetto sociale), oppure bisogna dimostrare la sua Dichiarazione (ai sensi dell’art. 46 della legge n. 455/1991 Coll., Legge sulle Licenze) con la firma autenticata e i documenti che certificano l’istruzione e la pratica in detto settore di attività. L’ufficiale dell’Ufficio delle Licenze compilerà con Voi tutti i moduli e Vi informerà su quando sarà possibile recarsi per ritirare l’Estratto dal Registro delle Licenze. La procedura dura normalmente una settimana, però per quanto riguarda le concessioni, spesso supera il periodo di un mese. E’ importante versare l’intero conferimento del capitale sociale in banca, dove spesso chiedono anche di dimostrare l’Atto notarile di costituzione della società e il documento d’identità.

  Uno degli ultimi atti da compiere è l’obbligo di recarsi presso l’ufficio di registrazione presso il Registro delle Imprese, quindi presso il tribunale territorialmente competente. E’ necessario portare con sé i seguenti documenti:

  • L’ISTANZA DI ISCRIZIONE DELLA SOCIETÀ NEL REGISTRO DELLE IMPRESE
  • ATTO NOTARILE DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ
  • CONSENSO DEL PROPRIETARIO DELL’IMMOBILE, CON FIRMA AUTENTICATA NON PIÙ VECCHIA DI 3 MESI
  • DICHIARAZIONE DELL’AMMINISTRATORE DEI CONFERIMENTI
  • DICHIARAZIONE D’ONORE DELL’AMMINISTRATORE, CON FIRMA AUTENTICATA
  • ATTESTAZIONE DALLA BANCA CIRCA L’AVVENUTO VERSAMENTO DELL’INTERO CAPITALE SOCIALE
  • ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE LICENZE

Successivamente al deposito dell’intera istanza di iscrizione della società, in conformità con la normativa, il tribunale è obbligato ad iscrivere direttamente la società nel Registro delle Imprese. Se l’ufficiale giudiziario troverà nei documenti depositati qualsiasi discrepanza, ne informerà l’istante tramite l’invito alla correzione. Eventualmente, potrà addirittura correggere da sé l’errore, se possibile, ed invierà poi all’istante la Delibera di iscrizione. E’ necessario ritirare i documenti e rinunciare al diritto di presentare appello. Nel caso in cui la Delibera non verrà ritirata, il termine per proporre appello inizierà a decorrere lo stesso e, trascorsi i successivi 5 giorni, il tribunale iscriverà la società nel Registro delle Imprese. In tal caso, però, ci vorrà almeno un mese per ottenere l’iscrizione della società.

Una volta ritirato l’estratto dal Registro delle Imprese, si raggiunge la fine della procedura. L’amministratore può, in seguito, recarsi in banca (con l’estratto ed il documento d’identità), dove avverrà il rilascio del capitale sociale sul conto corrente ordinario. L’amministratore riceverà i dati di accesso alla casella dati della società, presso l’indirizzo di residenza notificato.

Dopo aver concluso tutta la suddetta procedura, la società a responsabilità limitata è finalmente costituita e con l’iscrizione nel Registro delle Imprese anche creata di fatto e di diritto e Voi potrete liberamente iniziare la Vostra attività commerciale.

Altre modifiche del nuovo regolamento


Eliminazione dell‘obbligo di far stimare il conferimento da parte un perito nominato dal tribunale

Il socio ha la possibilità di versare il conferimento nel capitale sociale anche attraverso un conferimento non a carattere monetario e, contrariamente alle norme originarie, attualmente non è più richiesta la perizia elaborata dal perito nominato dal tribunale (finora il tribunale nominava il perito proposto dai soci fondatori). Dall’anno 2014 è sufficiente la perizia elaborata da un perito scelto dai soci fondatori o dall’amministratore, quindi l’intero procedimento diventa più semplice e si rafforza il principio di autonomia della volontà.

Le pagine web

Ai sensi della nuova normativa, la creazione di pagine web della società a responsabilità limitata non è richiesta. Se esistono, però, le pagine web, esse sono sottoposte alle stessi condizioni come le pagine web della società per azioni (è necessario, però, pubblicarci le informazioni che la società è obbligata ad inserire sui documenti commerciali).

Rilassamento del regolamento delle quote sociali

Il contratto sociale può ammettere l’origine di vari tipi di quote sociali, e tali quote, alle quali sono connessi gli stessi diritti e gli stessi obblighi, costituiscono lo stesso tipo di quote sociali. Le quote sociali sono di base, se alle stesse non sono connessi diritti od obblighi particolari. Attualmente, ogni socio può essere titolare di più quote sociali nella società e le quote sociali non si uniscono e i soci possono disporre di tali quote individualmente! La quota sociale è rappresentata dal cd. titolo di partecipazione e ogni titolo di partecipazione è emesso separatamente. Il titolo di partecipazione è un titolo all’ordine (e in tal modo è possibile trasferire la quota sociale tramite una semplice consegna al nuovo proprietario). Attenzione però, il titolo di partecipazione non può essere emesso alla quota sociale, la trasferibilità della quale sia limitata o condizionata. Il titolo di partecipazione non può essere offerto pubblicamente (e, reciprocamente, non può essere neanche accettato) sul mercato europeo regolamentato o altro mercato pubblico. Nuovamente, il trasferimento della quota sociale ad un altro socio non è sottoposto, attualmente, a nessuna condizione (il consenso dell’assemblea generale non è necessario, salvo diversa previsione del contratto sociale). Attualmente, quindi, nel caso in cui il contratto sociale stabilisca la necessità del consenso al trasferimento della quota sociale e tale consenso sia rifiutato dall’organo competente, senza alcun motivo (ovvero laddove detto organo sia inattivo), il socio può, dopo l’estinzione del contratto, recedere dalla società.

Votazione cumulativa dei membri degli organi della società

I membri degli organi della società vengono scelti a seguito di votazione cumulativa, nel caso in cui lo stabilisca il contratto sociale. Il principio della votazione cumulativa è che il numero dei voti del socio viene moltiplicato con il numero degli incarichi negli organi della società disponibili. Cosi, anche i soci di minoranza possono acquisire una posizione più importante e possono difendersi meglio dagli interessi dei soci di maggioranza. Ai sensi della nuova normativa, se il contratto sociale non stabilisca diversamente, ogni socio ha un voto per ogni corona del suo conferimento. I voti si possono dividere fra i candidati, o possono essere tutti conferiti ad un singolo candidato.

Conclusione

La nuova legge sulle società commerciali in vigore regola solo i diritti e gli obblighi sorti dal giorno dell‘entrata in vigore della legge in oggetto in poi, il resto deve essere conforme al Codice commerciale precedentemente vigente. Non si può ignorare neanche l’art. 777 della Legge sulle società commerciali, il quale prevede l’obbligo della società di adattare il suo contratto sociale alle disposizioni imperative della Legge sulle società commerciali.

Dall’anno 2014 la nuova normativa in vigore ha cancellato il divieto della “catenizzazione”. Attualmente, quindi, la società con un socio unico, può essere un socio unico in un’altra società. Contestualmente, sono state derogate tutte le limitazioni rispetto al numero massimo dei soci. Alcune modifiche sono state apportate anche nell’ampliamento delle possibilità di terminare la partecipazione del socio nella società.

Al fine di ottenere informazioni più dettagliate non esitate a rivolgerVi al nostro studio legale Spoladore&Bystřický, saremo sempre pronti a darVi un consiglio e ad assicurarVi l’intera procedura di costituzione della società a responsabilità limitata.


Marek Dvořák

11/2014

Zpět